Chi Siamo

La storia


In Calabria la coltivazione dell’olivo risale all’epoca aurea della Magna Graecia, 
   la forte vocazione per l’olivicoltura ne fa di essa la seconda regione italiana 
       per importanza quantitativa e qualitativa nella produzione di olio d’oliva.
       
Il frantoio oleario Pangaro  sorge sulle colline 
       del comune di Rose, ampio territorio che si estende lungo 
    la media valle del fiume Crati, a pochi chilometri da Cosenza, 
    in un luogo ideale per la coltivazione degli ulivi e la produzione 
    di olio extra vergine di oliva di altissima qualità.
  Fondato da Francesco Pangaro nel 1983, in più di un
quarto di secolo, la famiglia e l’azienda hanno affinato la cultura
dell’olio extra vergine d’oliva, radicata nella tradizione e nella storia 
delle terre calabresi, specializzando e articolando la propria attività.

Qualità & produzione


Biologico è meglio
  
Il 2005  è stato avviato un iter di conversione colturale 
che ha trasformato l'intera azienda da agricoltura convenzionale 
ad agricoltura biologica ottenendo nel 2009 la certificazione 
di coltivazione biologica, una garanzia in più per il consumatore. 



Prodotto frutto di tempi lontani
Fin dall’inizio la nostra azienda ha scelto di utilizzare un sistema 
di estrazione dell’olio a freddo che dà la possibilità 
di riassaporare un prodotto frutto di tempi lontani. 
Questo sistema, utilizzato ancora oggi, si avvale di procedimenti 
meccanici per l’intero ciclo di produzione, che garantiscono 
una resa di olio in quantità ottimali, lasciando intatte
 le sue prerogative di freschezza.


L'azienda soddisfa, inoltre, i requisiti del sistema HACCP ( ovvero analisi del pericolo e controllo dei punti critici) introdotto in Italia nel 1997 per salvaguardare la salute e il benessere dei clienti, dei dipendenti e della comunità intera.

Aforisma

 

Fare una buona insalata significa che si è un brillante diplomatico; il problema è identico in       entrambi i casi: sapere con esattezza quanto olio mescolare col proprio aceto                                                 

                                                                                                                                                                                                                                                      Oscar Wilde- 1880